Significato della Controriforma

Cos'è la Controriforma:

Il rinnovamento della Chiesa cattolica nel XVI secolo come risposta per fermare l'avanzata delle dottrine protestanti in Europa è noto come Controriforma.

La controriforma si chiama così poiché risponde alla riforma protestante iniziata da Martin Lutero nel 1517.

La Controriforma fu istituita sotto il Concilio di Trento (1545-1563) indetto prima da papa Paolo III nel 1545, poi da papa Giulio III tra il 1550 e il 1555, e infine da papa Pio IV nel 1563.

Caratteristiche della controriforma

La controriforma o riforma cattolica era caratterizzata dall'inglobamento della sfera politica e religiosa del momento.

Sotto l'aspetto politico, la controriforma elimina la vendita delle indulgenze, essendo uno dei motivi per cui i governatori iniziarono ad aderire alla riforma protestante di Martin Lutero.

Sotto l'aspetto religioso, la Controriforma cerca di riformulare la Chiesa cattolica, unire i cristiani sotto il papato romano ed evangelizzare i territori del Nuovo Mondo (America).

Per impedire l'avanzata delle chiese protestanti, la Controriforma rinnova e fissa linee guida per arginare la corruzione del clero con parametri comuni per la Chiesa cattolica quali, ad esempio, la difesa dell'autorità papale, la capacità esclusiva del chiesa e dei suoi rappresentanti per l'interpretazione dei testi sacri e la salvezza mediante la fede e le opere di carità, devozione o penitenza.

Conseguenze della Controriforma

La riforma cattolica del XVI secolo o controriforma, crea nel Concilio di Trento riferimenti per l'uniformità della Chiesa cattolica sotto il papato romano.

Alcune delle conseguenze che crea la Controriforma sono, ad esempio, il potere della Santa Inquisizione in America con la ripresa del Tribunale del Sant'Uffizio, la censura del sapere con la creazione dell'Indice dei libri proibiti (Indice) e la creazione di nuovi ordini religiosi dediti alla catechizzazione degli indigeni e dei pagani dei nuovi territori.

Personaggi della Controriforma

I maggiori esponenti della controriforma o riforma cattolica furono i papi che convocarono le sessioni del Concilio di Trento tra il 1545 e il 1563: Paolo III, Giulio III e Pio IV.

Spicca inoltre Ignacio de Loyola (1491-1556), fondatore della Compagnia di Gesù nel 1540, la cui missione principale era la catechizzazione dell'America per l'unificazione del cristianesimo.

Riforma protestante e controriforma

La Riforma protestante è nata a causa della corruzione del clero della Chiesa cattolica. Nel 1517 Martin Lutero pubblica Le 95 tesi il cui argomento principale è la negazione della salvezza dell'uomo attraverso l'acquisto di indulgenze.

Con Martin Lutero in Germania, Giovanni Calvino in Svizzera e re Enrico VIII in Inghilterra, la Chiesa cattolica inizia a perdere territorio di influenza sull'Europa ed è costretta a creare una controriforma per mantenere il suo potere.

La controriforma è definita nel Concilio di Trento convocato per la prima volta nel 1545 da papa Paolo III, che riafferma l'autorità del papa, l'interpretazione della Bibbia da parte della chiesa e dei suoi rappresentanti, il libero arbitrio, il celibato e la fede nel corpo e nel sangue di Cristo.

Vedi anche Riforma protestante.

Controriforma e Barocco

La Controriforma o Riforma cattolica sviluppa lo stile barocco nell'arte. La Chiesa cattolica ha usato l'arte come mezzo per diffondere la religione cattolica. Il barocco manifestava i misteri religiosi attraverso l'esagerazione e l'ostentazione attraverso i sensi.

Inoltre, l'arte barocca si allontana dai temi pagani e dai nudi caratteristici del Rinascimento. I suoi maggiori esponenti furono: l'italiano Lorenzo Bernini (1598-1680), Caravaggio (1571-1610) e il belga Pedro Pablo Rubens (1577-1640).

Tags.:  Scienza Detti E Proverbi Tecnologia-E-Innovazione