Significato di decadenza

Cos'è il decadimento:

Come decadimento chiamiamo l'inizio del declino o il collasso di qualcosa. La parola, come tale, deriva da decadente, che è “ciò che declina, che va a meno”.

Il concetto di decadimento può essere applicato a persone o cose, così come a processi storico-sociali, come il declino di una civiltà o di un impero.

Civiltà come quella egizia, greca, cinese, romana o spagnola hanno attraversato processi di declino.

La decadenza è una fase di collasso sociale in cui si verifica un crollo sia della cultura che delle istituzioni civili e di altre caratteristiche di una società (valori, costumi), per cambiare o trasformarsi in qualcosa di nuovo.

In generale, si parla di decadenza in riferimento al deterioramento o all'abbandono di una cosa, in cui l'incuria o il passare del tempo sta causando scompiglio. Un luogo, ad esempio, può essere considerato in declino quando sono trascorsi i suoi anni migliori.

Declino nel decadentismo

La decadenza ha trovato nella decadenza forme di espressione a livello artistico, letterario e filosofico. Questa corrente ha avuto origine in Francia e da lì si è diffusa in Europa e in America negli ultimi decenni del XIX secolo.

Era caratterizzato dalla sua messa in discussione della morale e dei modi di vita borghesi, dalla sua costante evasione dalla realtà, dal suo interesse per l'esotico e dalla sua esaltazione dell'eroismo individuale, nonché dall'esplorazione delle regioni più estreme della sensibilità e dell'inconscio. Era l'opposto del parnassianesimo, ispirato dall'ideale classico dell'arte per l'arte.

Alcuni dei suoi rappresentanti più importanti furono Paul Verlaine, Charles Baudelaire, Joris-Karl Huysmans, Gabriele D'Annunzio e Oscar Wilde.

Tags.:  Espressioni-Popolari. Tecnologia-E-Innovazione Scienza