Significato di energia elettrica

Cos'è l'energia elettrica:

L'energia elettrica è un tipo di energia generata dall'attrazione e dalla repulsione tra cariche elettriche. Ha la capacità di trasformarsi in altri tipi di energia, come l'energia luminosa, l'energia termica o l'energia meccanica.

Come esempi di energia elettrica possiamo citare: la corrente alternata, la corrente continua, le batterie (che trasformano l'energia chimica in energia elettrica) e la trasmissione dell'impulso nervoso attraverso gli assoni dei neuroni.

Esistono due tipi di elettricità: elettricità statica ed elettricità ordinaria. Vediamo in cosa consiste ciascuno di essi.

Tipi di energia elettrica

Elettricità statica

L'elettricità statica è quella prodotta dall'attrito di due corpi che hanno la capacità di caricarsi elettricamente. Durante l'attrito, uno dei corpi tende a perdere alcuni elettroni e l'altro ad acquisirli, il che produce una carica in eccesso. Questo accumulo di carica è chiamato elettricità statica ed è caratterizzato dall'essere temporaneo.

Ad esempio, l'elettricità statica viene prodotta quando strofiniamo un palloncino con i nostri capelli. Dopo uno sfregamento costante, i capelli tenderanno ad attaccarsi al palloncino.

L'elettricità statica viene spesso utilizzata, ad esempio, nella xerografia, un tipo di tecnica di stampa a secco. Utile anche in agricoltura per il controllo dei parassiti. Viene utilizzato anche nei processi di disinfezione con sprinkler elettrostatici, nei dispositivi medici, nelle vernici in polvere, ecc.

Elettricità corrente

L'elettricità corrente è quella comunemente usata nelle case. L'elettricità corrente è prodotta in conseguenza del movimento delle cariche, cioè del flusso di cariche che risulta dal libero movimento degli elettroni attraverso un apposito conduttore. I materiali che conducono meglio l'energia elettrica corrente sono i metalli rame, argento e alluminio.

Fonti di energia elettrica

L'energia elettrica è ottenuta dalla natura in vari modi. Possiamo elencare quanto segue:

  • Impianti termoelettrici: sono quelli che utilizzano i combustibili fossili come fonte di energia. Sono altamente inquinanti a causa dell'emissione di gas tossici.
  • Centrali nucleari: l'energia è ottenuta attraverso una specifica reazione nucleare. I suoi residui sono tossici. Eventuali incidenti causerebbero radiazioni nucleari estremamente dannose per la salute.
  • Impianti idroelettrici: sono quelli che sfruttano il movimento dell'acqua per creare energia.
  • Centrali solari: ottengono energia dalla luce solare attraverso pannelli che contengono un liquido termoconduttore.
  • Centrali eoliche: ottengono energia dalla forza del vento attraverso un sistema di eliche.
  • Centrali geotermiche: ottengono energia dalla crosta terrestre dove viene immagazzinato il calore.

Vedi anche Combustibili fossili.

Impatto ambientale dell'energia elettrica

In ogni caso, il consumo indiscriminato di energia elettrica da parte dell'utente finale ha un impatto ambientale da non sottovalutare. Pertanto, si aggiunge ad alcune delle cause del riscaldamento globale.

L'energia elettrica ottenuta dagli impianti solari, eolici e idroelettrici ha a suo favore il fatto di sfruttare le energie rinnovabili, come rispettivamente la luce del sole, la forza del vento o il movimento dell'acqua. In questo senso, si dice che siano una fonte di energia sostenibile.

Tuttavia, sebbene siano meno inquinanti di altri tipi di centrali elettriche come le centrali nucleari o termoelettriche, la loro installazione e il processo per ottenerle generano sempre un impatto sull'ecosistema.

Tags.:  Tecnologia-E-Innovazione Espressioni-Popolari. Scienza