Significato di miscele omogenee ed eterogenee

Cosa sono le miscele omogenee ed eterogenee:

Le miscele omogenee ed eterogenee sono combinazioni di 2 o più elementi o sostanze e sono i 2 tipi in cui le miscele sono generalmente classificate.

In natura, miscele omogenee ed eterogenee sono indispensabili per la vita sul pianeta Terra. È il caso dell'aria, una miscela omogenea, e del sangue, una miscela eterogenea.

I composti o gli elementi di entrambe le miscele possono presentarsi in qualsiasi stato della materia, i più generali sono quelli che si trovano allo stato solido, liquido o gassoso.

Inoltre, sia miscele omogenee che eterogenee possono presentare reazioni chimiche, che non costituiscono un'indicazione se appartiene all'una o all'altra.

Miscele omogenee ed eterogenee

Un'altra caratteristica condivisa da entrambe le miscele è che possono essere miscele fisiche o chimiche.

Le miscele fisiche sono quelle in cui c'è vicinanza degli elementi, mentre nelle miscele chimiche c'è unione tra i loro componenti.

Miscele fisiche e chimiche omogenee

Le miscele fisiche omogenee possono essere quelle che si riferiscono alla diversità etnica di una popolazione, ad esempio, dove non sono distinti i confini culturali.

Miscele omogenee dette soluzioni chimiche, invece, presentano un legame tra soluto e solvente, come ad esempio la miscela di acqua e sale.

Vedi anche Soluzione chimica.

Miscele fisiche e chimiche eterogenee

Le miscele fisiche eterogenee sono combinazioni di elementi che si distinguono tra loro e che sono vicini ma non uniti come, ad esempio, la miscela di noci o cereali.

In miscele chimiche eterogenee, i suoi componenti possono anche essere differenziati, sia ad occhio nudo che al microscopio, e la vicinanza di questi provoca reazioni chimiche come maree rosse o sedimenti nelle urine.

Differenza tra miscele omogenee ed eterogenee

La principale differenza tra miscele omogenee ed eterogenee è la capacità in cui gli elementi possono essere differenziati l'uno dall'altro.

Nelle miscele omogenee gli elementi sono uniti in modo tale da non essere distinguibili, mentre nelle miscele eterogenee sono osservabili.

Un altro modo per differenziare miscele omogenee da miscele eterogenee è nella distinzione nei metodi di separazione delle miscele.

Nelle miscele omogenee, i principali metodi per separare i loro elementi sono:

  • Estrazione: per polarità,
  • Cromatografia: interazione dei soluti nelle diverse fasi,
  • Cristallizzazione: uso delle differenze di temperatura, pressione e solubilità,
  • Evaporazione: separazione mediante il passaggio dallo stato liquido a quello gassoso,
  • Distillazione: manipolazione dei diversi punti di ebollizione.

Nelle miscele eterogenee, i principali metodi per separare i loro elementi sono:

  • Filtrazione: solidi da liquidi,
  • Setacciatura: limo sabbia,
  • Centrifugazione: per forza centrifuga,
  • Magnetizzazione: separazione di metalli da solidi o liquidi,
  • Decantazione: divisione dei sedimenti per forza di gravità.
Tags.:  Scienza Espressioni-Popolari. Religione-And-Spiritualità