Significato di Non esiste una quinta cattiva

Cosa c'è non c'è un quinto male:

Il detto "non c'è un quinto cattivo" si riferisce al fatto che il meglio di una situazione può accadere alla fine.

Questa interpretazione ha la sua origine nelle feste della corrida spagnole, in cui un tempo erano gli allevatori a decidere l'ordine dei tori del giorno.

Stando così le cose, hanno lasciato i loro esemplari più eccezionali al quinto posto, quindi ci si aspettava che il meglio dello spettacolo si sarebbe verificato in quel momento.

Un'altra versione, meno diffusa, suggerisce che, sebbene l'espressione abbia origine nella corrida, si riferisse in realtà allo spirito di coloro che assistevano alla corrida che, dopo aver visto il quarto toro, si godevano uno spuntino. Quindi, quando la corsa è stata riavviata con il quinto esemplare, erano più pronti per lo spettacolo.

Un esempio dell'uso di questa espressione oggi potrebbe valere per chi, dopo aver provato diverse esperienze lavorative, intraprende un nuovo lavoro. In questo caso, "non c'è un quinto cattivo", cioè questa potrebbe essere un'esperienza proficua dopo averne vissute altre che potrebbero non essere state così buone.

Un equivalente di questo detto potrebbe essere "la terza volta l'incanto", per indicare che dopo diverse occasioni si può raggiungere il successo o sfruttare una situazione.

L'espressione "non c'è una quinta cattiva" può essere interpretata anche come un accenno di rassegnazione, indicando che bisogna accontentarsi di quello che c'è, di quello che resta di qualcosa. Tuttavia, questo uso non è così comune.

Tags.:  Religione-And-Spiritualità Espressioni-Popolari. Detti E Proverbi