Significato della nutrizione autotrofica

Cos'è la nutrizione autotrofa:

La nutrizione autotrofa è quella svolta dagli organismi autotrofi, che si caratterizzano per avere la capacità di sintetizzare e generare le sostanze necessarie al loro metabolismo e di nutrirsi di sostanze inorganiche.

Gli organismi che svolgono la nutrizione autotrofa sono piante, alghe e alcuni tipi di batteri, il cui sostentamento deriva da acqua, sali minerali e anidride carbonica, quindi non hanno bisogno di nutrirsi di altri esseri viventi e sono considerati organismi produttori.

Pertanto, gli organismi che svolgono un'alimentazione autotrofa prendono principalmente la luce come fonte di energia per svolgere la fotosintesi, come nel caso delle piante, che consente loro di ottenere sostanze organiche come la clorofilla.

Il processo di nutrizione autotrofica inizia quando gli organismi assorbono sostanze inorganiche che ottengono dall'anidride carbonica dall'aria e dall'acqua, che vengono trasportate e processate attraverso una serie di reazioni chimiche come la fotosintesi e lo scambio di gas che trasformano le sostanze inorganiche in sostanze organiche.

Una volta ottenute le sostanze organiche, gli organismi autotrofi le utilizzano per il loro metabolismo e, infine, scartano le sostanze non necessarie.

In questo senso, la nutrizione autotrofica consente agli organismi di produrre il proprio cibo utilizzando le sostanze inorganiche che sintetizzano per ottenere nutrienti essenziali per il loro metabolismo e per la produzione di massa cellulare e materia.

Dal canto loro gli organismi unicellulari come i batteri o le alghe, privi di organi specializzati, prelevano direttamente dall'ambiente i nutrienti necessari per svolgere la nutrizione autotrofa.

Allo stesso modo, va notato che gli organismi autotrofi sono essenziali nella catena alimentare, poiché sono i produttori primari e servono da cibo per gli organismi eterotrofi, che sono quelli che si nutrono di altri esseri viventi.

Vedi anche Organismi autotrofi.

Tipi di nutrizione autotrofa

Di seguito sono riportati i tipi di nutrizione autotrofica.

  • Fotoautotrofi: è un'alimentazione autotrofa che ottiene i nutrienti attraverso l'energia della luce. Cioè, la luce genera l'energia necessaria per produrre cibo attraverso la fotosintesi, come fanno le piante o le alghe.
  • Chemioautotrofi: questa nutrizione autotrofa è svolta da quegli organismi che utilizzano l'energia ottenuta da molecole chimiche ridotte per produrre il loro cibo e non hanno bisogno dell'energia della luce. Ad esempio, batteri solforosi che vivono in vulcani attivi o batteri nitrificanti.

Guarda anche:

  • Fotosintesi.
  • Tipi di cellule.

Nutrizione eterotrofa

La nutrizione eterotrofa è quella svolta da quegli esseri viventi che si nutrono di altri esseri viventi per ottenere energia per vivere come gli esseri umani o consumando animali e organismi in decomposizione.

Tags.:  Scienza Detti E Proverbi Espressioni-Popolari.