Significato della Postmodernità

Cos'è la postmodernità:

La postmodernità è un movimento artistico, filosofico e storico che nasce alla fine del XX secolo come ricerca di nuove forme espressive incentrate sul culto dell'individualismo e sulla critica del razionalismo.

La postmodernità o postmodernità come movimento artistico, incorpora le precedenti correnti d'avanguardia in un'estetica attuale che riflette il caos generato dalla rivoluzione dell'informazione e della tecnologia in cui viviamo oggi.

Come corrente filosofica, la postmodernità ricerca nuovi modi di pensare incentrati sulla crescita dell'individuo attraverso l'uso della tecnologia. Si caratterizza per criticare le correnti di vecchi pensieri che sono considerati superati, come il positivismo e il razionalismo.

Come periodo storico, la postmodernità va dalla fine del XX secolo ai giorni nostri, pertanto la sua esatta definizione è ancora diffusa e in via di definizione.

Caratteristiche della postmodernità

La postmodernità ha caratteristiche che dipendono dal campo in cui vengono applicate. Ad esempio, in architettura si presenta come il salvataggio della forma che il modernismo rifiuta; in filosofia è definito come un moderno nichilismo, cioè l'obsolescenza dei valori e nell'educazione la tecnologia e l'innovazione sono convalidate per la generazione di un uomo autosufficiente e indipendente.

Nonostante queste differenze che possono essere tra loro contraddittorie, la postmodernità ha caratteristiche comuni e trasversali descritte di seguito:

  • È antidualista: criticano la dualità che i concetti definiti in passato hanno creato, lasciando così molti significati al di fuori del campo della conoscenza. In questo modo, la postmodernità difende la diversità e il pluralismo.
  • Mette in discussione i testi letterari e storici: affermano che gli autori dei testi mancano di obiettività e travisano la verità per riflettere idee personali.
  • Afferma che la verità non è universale: il linguaggio è considerato la chiave della verità ed è l'unica cosa che modella il pensiero umano, quindi la verità è dipendente dal contesto e discutibile. C'è solo la percezione.
  • Valorizza la forma rispetto al contenuto: come e cosa trasmette il messaggio è più importante del messaggio stesso.
  • Difendere l'ibridazione e la cultura popolare: tutte le forme di conoscenza e di conoscenza sono valide. La distorsione della distorsione non ha limiti nelle sfere della conoscenza.
  • Il presente è l'unica cosa che conta: cercano l'immediato, poiché il passato e il futuro non sono nelle mani dell'individuo.
  • Rivaluta la natura: si preoccupano delle conseguenze dello sviluppo industriale e pretendono che le scienze moderne si limitino a generare una conoscenza universale valida.

Arte postmoderna

Monna Lisa con razzo bazooka, Banksy, 2010.

L'arte postmoderna è considerata un movimento artistico che inizia alla fine del XX secolo, in contrapposizione al modernismo o art nouveau.

Chiamato anche postmodernismo, questa tendenza è nata negli anni '70 e si è sviluppata negli anni '80 ispirandosi e utilizzando tecniche sviluppate nella storia dell'arte, presentando l'arte attraverso un'estetica attuale.

L'arte postmoderna è caratterizzata dalla rottura della linearità che di volta in volta definiva le correnti d'avanguardia o l'avanguardia della moda. L'arte postmoderna è definita come il movimento che pone fine all'avanguardia, come definito da Rudi Fuchs nel 1982.

A causa della rivoluzione dell'informazione e dell'ascesa della tecnologia, l'arte postmoderna riflette la complessità e il caos della società odierna, utilizzando oggetti e immagini della cultura popolare e intervenendo in opere di classici.

L'arte postmoderna fa parte dell'arte contemporanea, alcune delle sue correnti sono le seguenti:

  • Pop Art
  • Arte astratta
  • Arte concettuale
  • minimalismo
  • Espressionismo astratto
  • tra gli altri.

Postmodernismo ed educazione

La postmodernità imprime nei sistemi educativi una necessità di cambiamento nell'influenza che si esercita sullo sviluppo personale, educativo e culturale dell'individuo, essendo valido solo ciò che ha un senso funzionale e immediato.

L'educazione postmoderna inserita all'interno della psicopedagogia si basa sul sistema informativo in cui è immersa la società. In questo contesto, l'uso della tecnologia diventa uno strumento fondamentale per l'innovazione, fornendo una validità immediata e funzionale della conoscenza.

Secondo l'autore americano Alvin Toffler (1928-2016), l'educazione postmoderna è caratterizzata dai seguenti punti:

  • Sii interattivo
  • Si svolge in qualsiasi ambiente o istituzione
  • L'elaborazione delle informazioni è convertibile tra diversi mezzi per la conformazione di sistemi più complessi
  • Cercano fonti di informazione plurali
  • Democraticizzano totalmente l'informazione
  • Difendono che le informazioni non dovrebbero presentare confini o differenze

Architettura postmoderna

Il movimento postmoderno in architettura recupera i concetti che l'architettura moderna elimina all'inizio del XX secolo, imponendo, ad esempio, la mera funzionalità degli edifici.

In questo modo, l'architettura postmoderna restituisce l'importanza alla forma combinando, in questo senso, l'antico e il moderno per risolvere problemi non solo funzionali ma anche sociali, economici, culturali ed estetici.

Postmodernità e modernità

La postmodernità nasce come reazione all'estremo razionalismo della modernità. Il pensiero postmoderno è caratterizzato dal disincanto e dall'apatia per il fallimento della modernità come corrente rinnovatrice di pensiero ed espressione della società contemporanea.

Filosofia postmoderna

Nel campo della filosofia, la postmodernità è anche definita come la filosofia della decostruzione dove predominano il dettaglio e la frammentazione del pensiero, dando a loro volta ordine al caos.

Il fenomeno dei frattali, ad esempio, rappresenta questa filosofia dove la ripetizione dei frammenti è simile alla ripetizione di ogni essere umano, ma nell'insieme costituiscono le porte d'ingresso al labirinto della conoscenza.

Il filosofo tedesco Friedrich Nietzsche (1844-1900) è considerato il precursore del pensiero postmoderno proclamando la morte di Dio, quindi l'assenza di dogmi o valori. In questo senso, la postmodernità è considerata un nichilismo moderno che non crede nella necessità di valori rispetto all'individuo.

Tra gli autori che rappresentano la filosofia postmoderna ci sono:

  • Jean François Lyotard: filosofo francese che ha introdotto nel 1979 attraverso il suo lavoro La condizione postmoderna il concetto di postmodernità in filosofia, criticando il positivismo prevalente, cioè l'applicazione del metodo scientifico e del razionalismo per ottenere una conoscenza oggettiva.
  • Esther Díaz: filosofa argentina che sostiene che la postmodernità è uno scontro tra il mondo della tecnologia sofisticata che ci circonda e i discorsi ereditati da epoche passate come il romanticismo e il razionalismo.

Tags.:  Generale Scienza Espressioni-In-Inglesi