Significato di Resistenza al cambiamento

Cos'è la resistenza al cambiamento:

La resistenza al cambiamento è chiamata tutte quelle situazioni in cui le persone devono modificare determinate routine o abitudini di vita o professionisti, ma rifiutano di fare qualcosa di nuovo o diverso per paura o difficoltà.

La resistenza al cambiamento che ogni individuo presenta è diversa a seconda, in larga misura, delle esperienze precedenti e della capacità e disposizione che si ha di affrontare i cambiamenti. La resistenza può essere immediata, differita, palese e implicita.

Alcune persone hanno paura dell'ignoto, di cambiare routine e abitudini. L'essere umano è un animale di abitudini e ama avere tutto sotto controllo, di conseguenza, nuove situazioni possono generare caos, incertezza e mancanza di controllo.

Al contrario, c'è un'altra percentuale di individui che vedono nel cambiamento un'opportunità per migliorare, imparare ed eccellere. Ciò può essere dovuto alle esperienze, all'abitudine al cambiamento, all'età, nonché a quanto una persona possa essere aperta e ricettiva ai cambiamenti.

Per alcune persone è più importante preservare i propri costumi che adattarsi al nuovo. Pertanto, potrebbe essere più facile per i giovani affrontare il cambiamento rispetto agli adulti o agli anziani.

Ad esempio, la dieta è più difficile per molte persone rispetto ad altre. I cambiamenti nelle abitudini alimentari possono generare resistenza, ansia o fastidio. Modificare certe consuetudini significa affrontare e superare le resistenze al cambiamento.

I cambiamenti sono processi necessari che devono essere eseguiti, non importa quanto non si voglia lasciare il luogo del comfort, soprattutto con l'attuale ritmo di vita in cui gli aggiornamenti digitali, i sistemi di gestione, i metodi di lavoro, lo studio, tra gli altri sono costanti.

Vedi anche il significato di Resistenza.

Ragioni per la resistenza al cambiamento

Per gli specialisti ci sono diverse ragioni per resistere al cambiamento, alcuni ritengono, al di là dell'età e delle esperienze, che il livello di istruzione influenzi la capacità di far fronte ai cambiamenti. Tuttavia, i motivi fondamentali sono:

Abitudini: gli esseri umani sono animali di abitudini e routine, ecco perché i cambiamenti generano resistenza e insicurezza quando si modifica un'attività che viene svolta frequentemente.

Equilibrio emotivo: l'equilibrio mentale gioca un ruolo molto importante quando si assume un cambiamento. Le persone emotivamente equilibrate rispondono meglio ai cambiamenti rispetto a quelle che non lo sono.

Paura dell'ignoto: cambio di lavoro, università, luogo di residenza, tra le altre situazioni, significano il nuovo. Questo può generare ansia e paura di non sapere cosa trovare e come affrontare l'ignoto.

Altri motivi per cui la resistenza al cambiamento può apparire in misura maggiore o minore sono la mancanza di tolleranza alle situazioni ambigue, l'autosufficienza, l'atteggiamento nei confronti della vita, la cultura, la personalità, la capacità di stabilire relazioni di lavoro e di amicizia, la paura del fallimento, tra gli altri.

Dovrebbero essere menzionati anche quei momenti in cui i cambiamenti arrivano all'improvviso, se comportano un crollo sentimentale o la cessazione di essere autosufficienti e indipendenti.

Vedi anche il significato di Change e Comfort Zone.

Resistenza al cambiamento organizzativo

La resistenza al cambiamento organizzativo, invece, è una situazione costante, soprattutto se si considera quanto sia importante per le organizzazioni mantenere alto il livello di lavoro, produzione e qualità del prodotto o del servizio.

Perché un'organizzazione sia competitiva è necessario che il suo capitale umano e i suoi macchinari subiscano cambiamenti di volta in volta al fine di migliorare i sistemi, i metodi e le procedure di lavoro.

Per questo motivo vengono effettuate analisi dei dati e della capacità di risposta al fine di determinare la necessità o meno di modifiche.

Tuttavia, per i responsabili della gestione di un'azienda o di un'organizzazione non è un compito facile considerare di effettuare un cambiamento di procedure.

Così come nelle persone, in un'organizzazione, vista come un gruppo di persone, si osserva anche una resistenza al cambiamento, che nasce dalla paura che invade i dipendenti di vedere la possibilità di perdere il lavoro, di essere menomati o di non ottenere la possibilità di promozione.

Tuttavia, la resistenza al cambiamento organizzativo riesce ad essere positiva, in larga misura, perché incoraggia i lavoratori a motivarsi e a dare il meglio per evitare il fallimento, generare dibattiti, condividere opinioni e dimostrare se il cambiamento è appropriato o meno.

Ma, d'altra parte, la resistenza al cambiamento organizzativo può anche generare maggiori problemi, soprattutto quando le persone coinvolte rifiutano di seguire le nuove linee guida, ritardando il lavoro e ostacolando il lavoro degli altri.

Motivi di resistenza al cambiamento organizzativo

C'è un elenco di ragioni per cui in varie organizzazioni resistono al cambiamento, il che può essere molto vero, ma, a sua volta, può generare svantaggi. Tra loro:

  • Paura di sbagliare
  • L'investimento economico da fare comporta grosse somme di denaro.
  • Maggiori o minori responsabilità e poca flessibilità nei lavoratori.
  • Perdita di denaro, lavoratori, clienti o fornitori.
  • Modificare le basi della cultura organizzativa, che è la guida di tutti coloro che lavorano in azienda.
  • Modifiche salariali e modifica dei benefici offerti dall'organizzazione.
  • Mancanza di conoscenza o disinformazione del motivo per cui vengono apportate le modifiche e dei loro aspetti positivi o negativi.
  • Paura del nuovo.

Considerando queste ragioni, in alcune organizzazioni i cambiamenti sono limitati dalla paura e dall'impossibilità di sapere come sarà influenzata.

Per superare le resistenze al cambiamento organizzativo, la comunicazione all'interno dell'azienda deve essere costante e chiara, spiegando il motivo dei cambiamenti e il loro lato positivo in termini generali.

Tags.:  Espressioni-Popolari. Scienza Religione-And-Spiritualità