Significato della teoria dell'evoluzione

Cos'è la teoria dell'evoluzione:

La teoria dell'evoluzione afferma che le specie biologiche derivano dalla trasformazione genetica e fenotipica di un antenato nel tempo, che dà origine a una nuova specie.

Questa teoria si basa sull'osservazione, il confronto e l'interpretazione di prove fisiche disponibili in natura, come fossili preistorici e specie attuali. In questo modo, l'approccio smonta la teoria della generazione spontanea e mette apertamente in discussione il creazionismo.

Questa teoria fu ampiamente sviluppata dall'inglese Charles Darwin, sebbene il naturalista e geografo Alfred Russel Wallace avesse già puntato in quella direzione. In effetti, entrambi gli scienziati avevano presentato le loro prime indagini un anno prima che Darwin pubblicasse la sua ipotesi solista.

L'ipotesi darwiniana apparve per la prima volta nel 1859 in un libro intitolato L'origine delle specie. Da allora, questa teoria ha continuato a crescere ed è diventata uno dei pilastri fondamentali degli studi in biologia.

Per Darwin, tutte le forme di vita nascono dalla modificazione di uno o più organismi, siano essi microscopici o meno. Questa trasformazione non è improvvisa, ma risponde a un processo graduale sviluppatosi nel corso di migliaia di anni.

Secondo la teoria dell'evoluzione, le specie si sono evolute dopo essersi adattate alle realtà ambientali. Questo principio di adattamento è noto con il nome di selezione naturale o pressione selettiva.

Vedi anche Darwinismo.

La selezione naturale nella teoria dell'evoluzione

La selezione naturale o pressione selettiva è prodotta dall'influenza dell'ambiente. La pressione esercitata da un certo habitat costringe l'essere vivente ad adattarsi geneticamente per sopravvivere. Nel caso in cui un certo essere vivente non possa adattarsi, scomparirà definitivamente. In questo modo, la teoria dell'evoluzione spiega le caratteristiche biologiche di ciascuna specie oggi e perché altre si sono estinte.

Può capitare che lo stesso antenato, sviluppandosi in habitat o condizioni ambientali differenti, generi modificazioni differenti sui suoi esemplari, inducendoli a distinguerli in modo netto e deciso, che costituisce l'origine della specie. È lì quando si parla, quindi, di evoluzione.

Guarda anche:

  • creazionismo
  • Generazione spontanea

Tags.:  Scienza Religione-And-Spiritualità Espressioni-In-Inglesi