Tipi di polimeri

I tipi di polimeri possono essere classificati in 2 grandi aree di studio: polimeri in chimica e polimeri in biologia.

Dalla chimica si ottengono, ad esempio, insulina, vetro e plastica, e dalla biologia acidi nucleici (DNA e RNA) e proteine.

Oltre alle aree scientifiche, i polimeri sono divisi in 2 grandi gruppi in base al materiale utilizzato per la loro sintesi: polimeri organici e inorganici.

Riepilogo tipi di polimeri

I 2 grandi gruppi in cui si suddividono le tipologie di polimeri, inorganici e organici, possono essere così riassunti:

Polimeri inorganici: non hanno atomi di carbonio nella loro catena principale. Sono derivati ​​da metalli e minerali nei processi naturali o nei laboratori.

Polimeri organici: hanno atomi di carbonio nella loro struttura e possono essere naturali o sintetici.

Naturale: derivato da molecole sintetizzate dagli esseri viventi.

  • polipeptidi
  • polisaccaridi
  • Idrocarburi

Sintetici (materiali polimerici): per polimerizzazione di altri polimeri.

  • Elastomeri (termoplastici, termoindurenti)
  • Cellulosa semisintetica

Classificazione ed esempi di polimeri

Polimeri inorganici

I polimeri inorganici non contengono molecole di carbonio nella loro struttura portante. Ne esistono di 2 tipi: i polimeri inorganici derivati ​​da metalli o minerali e quelli creati in laboratorio.

Nella vita di tutti i giorni possiamo trovare molti polimeri inorganici derivati ​​da metalli e minerali come, ad esempio:

  • Vetro: si trova in natura ed è anche prodotto dall'uomo dall'applicazione di alte temperature in miscele di silicio, alluminio, calce, tra le altre materie prime.
  • Silicone: composto composto principalmente da silicio e ossigeno che viene utilizzato per la fabbricazione di protesi e anche come adesivi e isolanti.

Polimeri organici

I polimeri organici sono quelli generati da molecole che gli esseri viventi sintetizzano e sono raggruppati in: naturali e sintetici.

Polimeri organici naturali

polipeptidi

I polipeptidi sono catene di peptidi e i peptidi sono catene di amminoacidi. Negli organismi viventi sono identificati 20 tipi di amminoacidi, le cui combinazioni sono alla base delle proteine. Alcuni esempi di polipeptidi sono:

  • Globulina: proteina solubile che si trova principalmente nel sangue, nelle uova e nel latte.
  • Insulina: ormone polipeptidico prodotto naturalmente dal pancreas come regolatore dei livelli di glucosio nel sangue.
  • Proteina: catena di polipeptidi generata attraverso il processo di sintesi o traduzione di proteine ​​che, in genere, vengono prodotte nei ribosomi con le informazioni del DNA trasportate dall'RNA messaggero.

polisaccaridi

I polisaccaridi sono catene di monosaccaridi e questi ultimi sono un tipo di carboidrato. Un esempio di monosaccaride è il glucosio ed esempi di polisaccaridi che abbiamo, ad esempio:

  • Amido: composto da 2 polisaccaridi, è la riserva energetica delle piante.
  • Cellulosa: la sua struttura è formata solo da molecole di glucosio. Si trova naturalmente nella membrana cellulare di funghi e piante.

Vedi anche glucosio.

Idrocarburi

I polimeri di idrocarburi organici hanno solo catene di carbonio e idrogeno. Si dividono in alcani, alcheni e alchini in base al tipo di legame che uniscono i loro atomi.

Gli idrocarburi più utilizzati per la creazione dei polimeri sono:

  • Gomma: resina vegetale naturale nota anche come lattice.
  • Petrolio (greggio): prodotto idrocarburico liquido dell'accumulo di fossili nella biomassa terrestre per milioni di anni.
  • Gas naturale: idrocarburo allo stato gassoso formato principalmente da metano. Si trova anche nella biomassa terrestre, un prodotto del combustibile fossile. Sia il petrolio che il gas naturale sono risorse non rinnovabili.

Polimeri organici sintetici

I polimeri organici sintetici sono anche indicati come materiali polimerici o materiali compositi.

Si ottengono attraverso un processo noto come polimerizzazione, che è definito come l'uso di determinate reazioni chimiche su un polimero organico o inorganico per la sua crescita in catena e per stadi o per raggruppare monomeri (per addizione o per condensazione) e in questo modo formano molecole di peso doppio o triplo.

La teoria della polimerizzazione è stata sviluppata nel 1920 da Hermann Staudinger, un chimico tedesco insignito del Premio Nobel per la Chimica nel 1953.

I materiali polimerici sono generalmente derivati ​​dalla plastica ma anche da altri polimeri inorganici come il vetro.

I polimeri più comunemente utilizzati per la creazione di questo tipo di polimeri sono: cellulosa, gomma, amido e plastica. I polimeri organici sintetici sono classificati nei seguenti gruppi:

Elastomeri

Elastomeri è il nome generico per la polimerizzazione a crescita di catena e gli stadi utilizzati, ad esempio, derivati ​​del petrolio e del gas naturale come il neoprene, il materiale di cui sono fatte le mute da sub.

Elastomeri termoplastici

Gli elastomeri termoplastici (TPE) sono caratterizzati come gli unici elastomeri riciclabili.

Sono prodotti della polimerizzazione del petrolio (derivato dalla plastica) e della gomma, generando, ad esempio, il poliuretano (TPU) presente negli isolanti termici e il copoliestere (COPE) utilizzato nell'industria tessile.

Elastomeri termostabili

Gli elastomeri termoindurenti possono essere riconosciuti come plastiche rigide come fibra di vetro e fibra di carbonio.

Vedi anche Plastica.

Cellulosici

I polimeri cellulosici sono prodotti di cellulosa, modificati naturalmente o in laboratorio. Per il suo uso industriale viene solitamente abbinato al legno o al cotone.

Esempi di polimeri cellulosici sono il cellophane e il rayon (noto in Spagna come viscosa).

Tags.:  Detti E Proverbi Espressioni-Popolari. Scienza